Hobby - Orto       C a c c i a       P e s c a        F u n g h i   Links  M u s i c a .midi



Pagine
di
orticoltura




    Basilico  
    Carciofo  
    Cavoli  
    Cetrioli  
    Ciliegio  
    Cipolle  
    Fagioli  
    Fave  
    Fico
    Frigitelli
    Kaki
    Insalate  
    Limone  
    Maggiorana
    Melograno
    Menta  
    Mirto
    Origano  
    Peperoni
    Pero  
    Pesco  
    Piselli
    Pomodoro  
    Prugno  
    Salvia  
    Sedano  
    Ulivo  
    Vite  
    Zucche







LastModified:




tags:
orticoltura caccia pesca funghi orti urbani Basilico Carciofo Cavoli Cetrioli Ciliegio Cipolle Fagioli Fave Fico Frigitelli Insalate Limone Maggiorana Melanzane Menta Origano Peperoncino Peperoni Pero Pesco Piselli Pomodoro Prezzemolo Prugno Rosmarino Salvia Sedano Ulivo Vite Zucche




     
Ciliegio, prunus avium



Un ciliegio, si sa, occupa parecchio spazio nell'orto. Io ne ho uno di 4 anni alto circa 1,80m. e cerco di tenerlo basso; non dà molto fastidio essendo piantato nella zona Nord-Ovest, spero di riuscire a conservarlo per molto tempo ancora. Uno dei problemi di chi ha dei ciliegi nell'orto è costituito dagli uccelli contro i quali non conosco altro rimedio di quello suggeritomi dal mio vicino: coltivare varietà precoci. Infatti il mio alberello ha la base costituita da amarena e la marza (fornitami dal mio confinante) da una qualità molto precoce, non troppo grande, ma soda e saporita. Esistono altre varietà, le amarene e le marasche, che sono poco appetite dai volatili ... sono ottime per le marmellate, ma ... poco adatte per essere consumate appena raccolte!

Terreno e clima: i ciliegi dolci si adattano bene a terreni di medio impasto, fertili, anche ghiaiosi. I ciliegi acidi si adattano anche a terreni argillosi purchè profondi e leggeri. Entrambe le specie crescono bene soprattutto in collina, purtroppo i fiori sono molto sensibili alle gelate.

Cure colturali: soprattuto nei primi anni di vita il ciliegio si avvantaggia di generose dosi di azoto. Molto importante la potatura, almeno nei primi 4 anni, quando accorre conferire alla pianta una forma funzionale alla sua crescita e alla produzione. Io ho iniziato, la primavera successiva all'innesto, ad accorciare i rami fino a 15 cm. nella primavera successiva ho tagliato i rami principali salvandone 5. L'anno successivo ho lasciato, sui rami principali, 2 rami secondari. Ora, ogni primavera, poto i rami malati o rivolti al centro e cerco di contenere lo sviluppo degli altri.

ciliegio, prunus cerasus - foto Giorgio Muscas Parassiti e malattie: Afide nerastro del ciliegio provoca l'arricciamento delle foglie, con la comparsa di macchie nere: poltiglia bordolese con doppia dose di rame e di calce. Mosca delle ciliegie. Attacca tutte le varietà eccetto le più precoci ... soprattutto con primavere dolci e umide. Non conosco una cura biologica, eccetto un buon numero di coccinelle ...,occorrerebbero irrorazioni che, a mio parere, hanno niente a che fare con l'orticoltura intesa come hobby! Mal di piombo. E' una malattia causata da un fungo che vive sul legno morto; potando sul finire della primavera e coprendo le ferite col bitume non dovrebbero esserci problemi: cmq io non conosco altro modo per tenere sotto controllo questa malattia.

Raccolta e conservazione: Di solito si raccolgono con tutto il picciolo. Si conservano sotto spirito ...





© all right reserved
- GiorgioMuscas WebMaster
in Roma - Italy
E' vietata la riproduzione, anche parziale,
dei testi e delle foto contenuti nel sito. L'autorizzazione può essere richiesta tramite m@il che viene concessa solo in presenza di link a http://giorgiomuscas.altervista.org nel sito che utilizza il presente materiale.