Hobby - Orto       C a c c i a       P e s c a        F u n g h i   Links  M u s i c a .midi



Pagine
di
orticoltura




    Basilico  
    Carciofo  
    Cavoli  
    Cetrioli  
    Ciliegio  
    Cipolle  
    Fagioli  
    Fave  
    Fico
    Frigitelli
    Kaki
    Insalate  
    Limone  
    Maggiorana
    Melograno
    Menta  
    Mirto
    Origano  
    Peperoni
    Pero  
    Pesco  
    Piselli
    Pomodoro  
    Prugno  
    Salvia  
    Sedano  
    Ulivo  
    Vite  
    Zucche







Ultima modifica:




tags:
orticoltura caccia pesca funghi orti urbani Basilico Carciofo Cavoli Cetrioli Ciliegio Cipolle Fagioli Fave Fico Frigitelli Insalate Limone Maggiorana Melanzane Menta Origano Peperoncino Peperoni Pero Pesco Piselli Pomodoro Prezzemolo Prugno Rosmarino Salvia Sedano Ulivo Vite Zucche




     
Fico, ficus carica, moracee


I fichi sono frutti tipici dei paesi mediterranei. Ho letto da qualche parte che ai tempi dell'antica Grecia erano considerati "degni di nutrire i filosofi". Vero o no, i fichi ben maturi sono deliziosi. Il fico cresce anche in climi molto caldi purchè abbia sole ed acqua in abbondanza.
Terreno e clima: nei climi temperati i fichi si sviluppano bene su tutti i terreni, argillosi, calcarei, sabbiosi e ciottolosi, purchè ben drenati e in pieno sole, rivolti a Sud.
Un problema: l'eccessivo sviluppo delle radici. Un fico, piantato in un terreno ricco e fertile cresce bene, e diventa molto grande ma non dà frutti che dopo molti anni. Infatti le radici si sviluppano in modo tale, rispetto alla chioma dell'albero, che nella pianta si crea un grave squilibrio: il nutrimento si disperde, dalle radici così diffuse non riesce ad arrivare alle foglie, i rami si aprono e la crescita è stentata. Si può ovviare, come ho fatto io dopo aver aspettato, inutilmente, i frutti di un magnifico fico, oltre 15 anni ... in primis ho prelevato un pollone, con le sue radichette, dalla base dell'albero improduttivo, poi ho scavato una buca 150x150x100, ho foderato sia il fondo che le pareti con blocchetti di tufo e riempito lo spazio rimanente con terricciato misto a ghiaia e messo a dimora il pollone. Risultati: il secondo anno ho raccolto i primi frutti, l'albero non emette polloni, ora dà 2 buoni raccolti, a Giugno-Luglio e a Settembre-Ottobre.
Propagazione: nel vivaio vicino casa mia creano nuove piantine dalle talee: a me non è mai riuscito ... io, invece, al termine dell'autunno, prelevo i polloni da qualche vecchio albero, di cui conosco la bontà del frutto, staccandoli con un colpo di zappa e, lasciando intatte le radici, li metto a dimora in breve tempo.
Cure colturali: Se la vegetazione è troppo fitta occorrerà tagliare ogni tanto qualche ramo per mantenere la chioma più rada e svasata e, in primavera, spuntare l'apice dei rami principali perchè si sviluppi in larghezza piuttosto che in altezza. Importante: quando i frutti cominciano ad ingrossare, se il tempo è asciutto, occorrerà innaffiare abbondantemente, il fico ha bisogno di una ventina di litri d'acqua al giorno.
Raccolta e conservazione: i fichi sono sono frutti che vanno raccolti quando sono ben maturi e consumati in breve tempo. Si possono essicare, esponendoli al sole per qualche tempo, sistemati su rastrelliere o cestini appositi.




© all right reserved
- GiorgioMuscas WebMaster
in Roma - Italy
E' vietata la riproduzione, anche parziale,
dei testi e delle foto contenuti nel sito. L'autorizzazione può essere richiesta tramite m@il che viene concessa solo in presenza di link a http://giorgiomuscas.altervista.org nel sito che utilizza il presente materiale.