Hobby - Orto       C a c c i a       P e s c a        F u n g h i   Links  M u s i c a .midi



Pagine
di
orticoltura




    Basilico  
    Carciofo  
    Cavoli  
    Cetrioli  
    Ciliegio  
    Cipolle  
    Fagioli  
    Fave  
    Fico
    Frigitelli
    Kaki
    Insalate  
    Limone  
    Maggiorana
    Melograno
    Menta  
    Mirto
    Origano  
    Peperoni
    Pero  
    Pesco  
    Piselli
    Pomodoro  
    Prugno  
    Salvia  
    Sedano  
    Ulivo  
    Vite  
    Zucche







Ultima modifica:




tags:
orticoltura caccia pesca funghi orti urbani Basilico Carciofo Cavoli Cetrioli Ciliegio Cipolle Fagioli Fave Fico Frigitelli Insalate Limone Maggiorana Melanzane Menta Origano Peperoncino Peperoni Pero Pesco Piselli Pomodoro Prezzemolo Prugno Rosmarino Salvia Sedano Ulivo Vite Zucche




     
Pero, Pirus comunis , rosacce

Sono piante molto simili, direi affini, quindi la coltivazione non differisce molto. Ambedue crescono bene sia nei climi freschi che in quelli caldi. Nel mio orto, che non è molto esteso, ho due albicocchi e un pesco nano, (su susino selvatico) sono stati i miei primi innesti ...



Terreno e clima: è noto che peschi ed albicocchi richiedono terreno sabbioso misto a ghiaia, io li coltivo sul tufo tenero sminuzzato col piccone assieme ad abbondante terricciato ricco di humus ... Sono piante che amano estati calde ed inverni piuttosto freschi quindi mi è sembrato opportuno collocare le piante nella zona Nord, soprattutto per concedere loro qualche settimana di riposo in più ed evitare le fioriture precoci in periodo a rischio di probabili ultime gelate. La messa a dimora delle giovani piante, credo, almeno io faccio così, dovrebbe avvenire proprio al termine del periodo delle gelate per preservare i primi germogli ...



Cure colturali: Sia nel pesco che nell'albicocco, il fiore e, quindi, il frutto si sviluppa soltanto su legno dell'anno precedente: okio al momento della potatura! Cmq tutto comincia al momento della messa a dimora delle giovani piantine. Poto a circa 50cm dal livello del terreno. All'inizio dell'estate taglio tutti i rami a 3 cm dal tronco. Nuovi rami germogliano vicino agli speroni di quelli vecchi. Li elimino tutti, ad eccezione di tre che formeranno la struttura-impalcatura dell'albero, e li lascio crescere liberamente. Le potature successive, ad estate terminata, mirano a mantenere questa forma iniziale tagliando i germogli rivolti all'interno e cimando gli altri. Si avvantaggia di una buona quantità di azoto, all'inizio della primavera, che consente all'albero di crescere robusto e di fruttificare con vigore in estate, ma di cessare il suo sviluppo all'inizio dell'inverno, quando il legno, pieno di linfa, potrebbe subire danni importanti. Si avvantaggia del diradamento dei frutti. Io li dirado, sin da quando sono grandi come noci, a circa 15-20 cm., ottenendo frutti dolci e profumati.



Malattie: Mentre l'albicocco è più resistente, il pesco soffre di bolla, una malattia fungina che si manifesta con l'ncurvatura e il raggrinzimento delle foglie. Io uso la poltiglia bordolese a metà dell'inverno e di nuovo un mese dopo. Altra irrorazione in autunno, subito dopo la caduta delle foglie. Seccume delle foglie: è una malattia batterica che causa macchie brune sulle foglie e può diventare grave causandone la totale caduta. Si può curare concimando abbondantemente.



Raccolta-Conservazione: Raccolgo i frutti quando sono ben maturi, cioè quando si rivelano leggermente morbidi alla pressione. Possono essere conservati, oltre che in locali freschi, essicati o in marmellate. Se avrai pazienza tra qualche mese aprirò una nuova rubrica sulla conservazione dei prodotti del mio orto dalla quale, spero, potrai trarre spunti interessanti.




© all right reserved
- GiorgioMuscas WebMaster
in Roma - Italy
E' vietata la riproduzione, anche parziale,
dei testi e delle foto contenuti nel sito. L'autorizzazione può essere richiesta tramite m@il che viene concessa solo in presenza di link a http://giorgiomuscas.altervista.org nel sito che utilizza il presente materiale.